Introduzione alla nevralgia del pudendo

La neuropatia del pudendo è una condizione dolorosa ed invalidante che colpisce il nervo pudendo, un nervo che innerva i genitali, l’ano e il retto. La causa della nevralgia del pudendo può essere diversa, tra cui traumi, interventi chirurgici, compressioni e posture scorrette. Riveste una particolare importanza anche dal punto di vista intimo e personale dato che provoca la perdita di sensibilità dei genitali femminili e anorgasmia.

Quali i sintomi della nevralgia del pudendo?

I sintomi della neuropatia del pudendo possono includere:

  • Dolore ai genitali, all’ano o al retto
  • Formicolio, intorpidimento o bruciore nella stessa zona genitale
  • Difficoltà a urinare o a defecare
  • Dolore durante i rapporti sessuali ed anorgasmia femminile
  • Incontinenza urinaria o fecale

Diagnosi della pubalgia da lesione del pudendo

La diagnosi della neuropatia del pudendo può essere difficile, in quanto i sintomi possono essere simili a quelli di altre condizioni. Viene solitamente effettuata da un medico specialista, come un neurologo o un urologo, sulla base dei sintomi del paziente e di alcuni esami diagnostici, come l’elettromiografia. Può essere anche di pertinenza ortopedica se i sintomi insorgono dopo un trauma riconosciuto o un intervento chirurgico per sintesi di frattura dell’arto inferiore o del bacino.

Cause

Le cause della neuropatia del pudendo possono essere diverse, tra cui:

  • Traumi: un trauma al bacino o alla schiena può danneggiare il nervo pudendo.
  • Interventi chirurgici: alcuni interventi chirurgici, come quelli per la prostatectomia o per l’ernia inguinale, possono comprimere il nervo pudendo.
  • Compressione: il nervo pudendo può essere compresso da un parto difficile, da una posizione seduta prolungata o da un uso eccessivo della bicicletta.
  • Posture scorrette: una postura scorretta può comprimere il nervo pudendo.
  • Altre cause: la neuropatia del pudendo può essere causata anche da diabete, sclerosi multipla o altre malattie.

Neuropatia del pudendo da interventi ortopedici di osteosintesi

In alcuni casi, la neuropatia del pudendo può essere causata da un intervento di osteosintesi, ovvero un intervento chirurgico per la riparazione di una frattura ossea. La compressione del nervo pudendo può verificarsi a causa di:

  • Posizionamento errato dei chiodi o delle placche: i chiodi o le placche utilizzati per fissare l’osso rotto possono comprimere il nervo pudendo.
  • Edema post-operatorio: l’edema che si verifica dopo l’intervento può comprimere il nervo pudendo.

Neuropatia del pudendo e letto ortopedico da trazione

L’utilizzo di un letto ortopedico da trazione può causare la neuropatia del pudendo in alcuni pazienti. La trazione prolungata può infatti comprimere il nervo pudendo.

Trattamento nevralgia del nervo pudendo

Il trattamento della neuropatia del pudendo dipende dalla causa. In alcuni casi, il trattamento può essere semplice e includere:

  • Farmaci: farmaci antinfiammatori o antidolorifici possono aiutare a ridurre i sintomi.
  • Fisioterapia: la fisioterapia può aiutare a migliorare la mobilità del nervo pudendo e a ridurre il dolore.
  • Terapia manuale: la terapia manuale può aiutare a rilasciare i muscoli che comprimono il nervo pudendo.

In altri casi, può essere necessario un trattamento più invasivo, come:

  • Iniezioni di steroidi: le iniezioni di steroidi possono aiutare a ridurre l’infiammazione del nervo pudendo.
  • Chirurgia: la chirurgia può essere necessaria per decomprimere il nervo pudendo o per riparare un danno al nervo.

Nevralgia del pudendo e sport: c’è un’associazione?

Sport e nevralgia del pudendo

Alcuni studi hanno suggerito che la pratica sportiva potrebbe essere un fattore di rischio per la nevralgia del pudendo. In particolare, sport che prevedono un carico prolungato sul bacino, come il ciclismo, la corsa e l’equitazione, potrebbero aumentare il rischio di compressione del nervo pudendo.

Inoltre, alcuni sport che prevedono movimenti ripetitivi o vibrazioni intense, come il tennis, il golf e la ginnastica, potrebbero causare microtraumi al nervo pudendo.

Tuttavia, è importante sottolineare che non esiste una relazione causale definitiva tra sport e nevralgia del pudendo. La maggior parte dei pazienti con nevralgia del pudendo non pratica sport in modo regolare.

Fattori di rischio per la nevralgia del pudendo associata allo sport

Alcuni fattori che potrebbero aumentare il rischio di sviluppare nevralgia del pudendo in persone che praticano sport includono:

  • Sesso femminile: le donne sono più colpite dalla nevralgia del pudendo rispetto agli uomini così come più gravi sono i disturbi nella zona perineale come cistiti, vaginiti, e vulvovaginiti.
  • Aumento del peso corporeo: l’obesità può aumentare la pressione sul nervo pudendo.
  • Postura scorretta: una postura scorretta può comprimere il nervo pudendo.
  • Trauma al bacino o alla schiena: un trauma può danneggiare il nervo pudendo.
  • Interventi chirurgici: prostatectomia o ernia inguinale e fratture possono comprimere il nervo pudendo.

Consigli per ridurre il rischio di nevralgia del pudendo in persone che praticano sport:

  • Indossare indumenti comodi e traspiranti.
  • Evitare di stare seduti per periodi prolungati.
  • Fare pause regolari durante l’attività sportiva.
  • Mantenere una postura corretta.
  • Riscaldarsi prima di fare sport.
  • Effettuare esercizi di stretching dopo lo sport.
  • Evitare di sforzarsi eccessivamente.

Se si verificano sintomi di nevralgia del pudendo, è importante consultare un medico per una diagnosi e un trattamento adeguati.

Approfondimenti: https://ainpu.it/

Questo articolo non deve essere interpretato come consulenza medica o parere medico relativamente a fatti o circostanze specifiche. Per quanto riguarda la vostra personale situazione e risposta a domande specifiche siete invitati a consultare un professionista Medico. L’uso delle informazioni reperite su questo sito deve rispettare i termini e le condizioni d’uso. Dott. Giuseppe Fanzone

Pubblicato il 16 marzo 2024
Ultimo aggiornamento:  6 aprile 2024

 

Di Dr. Giuseppe Fanzone

Mi chiamo Giuseppe Fanzone. Nato a Mazzarino nel 1967, al termine di una carriera scolastica irreprensibile, mi sono laureato in Medicina e Chirurgia, magna cum laude, nel luglio del 1991, all’Università di Catania. Iniziata prestissimo l’attività lavorativa, sono riuscito comunque a conciliarla con la vita familiare arricchita dalla nascita di tre splendidi figli. Ho ottenuto il titolo di specialista in Ortopedia e Traumatologia presso l’Università Campus Biomedico di Roma. Sono iscritto all’Ordine dei Medici della provincia di Caltanissetta. Sono diventato un Ortopedico “On Line” quasi per caso ma, questa condizione, ha finito per piacermi! Attualmente lavoro come Medico Ortopedico nella UOC di Ortopedia e Traumatologia dell’ Ospedale Umberto I di Enna dopo avere lavorato nell'altro ospedale della ASP di Enna Il Michele Chiello di Piazza Armerina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *