close
Lesione di Morel Lavallée

Lesione di Morel Lavallée

Attenti ai traumi

La Morel Lavallée è una patologia di natura post traumatica che prende il nome da chi l’ha descritta originariamente (Victor Auguste Francois Morel-Lavallée la descrisse nel 1863)

Il dott. Morel Lavalée
Il dott. Morel Lavallée – Bibliothèque interuniversitaire de Santé, Licence Ouverte, via Wikimedia Commons

.

Questo tipo di lesione origina da un trauma che abbia coinvolto i tessuti molli al di sopra di una prominenza ossea. Il Morel la descrisse a carico della regione dell’anca osservando la formazione di un gonfiore all’anca originato da una caduta. Ma lo stesso tipo di trauma può determinare lo stesso tipo di lesione, caratterizzata da un gonfiore persistente, anche in altre regioni anatomiche come il ginocchio, la regione sacrale, la scapola, il fianco sulle ali iliache, le natiche ed il cranio.

Presentazione clinica

Presentazione classica dal punto di vista clinico è la comparsa di una ecchimosi cutanea con cute marezzata con aspetto a volte definito a macchie di leopardo, con sottostante gonfiore della cute soprastante ad una prominenza ossea. Tipicamente e frequentemente si presenta nella regione anteriore del ginocchio in seguito ad una caduta o nella regione del fianco destro o sinistro per una caduta con urto sull’anca. I pazienti ricordano una caduta, hanno potuto riprendere a camminare quasi subito ma il gonfiore, l’ecchimosi ed il dolore stentano a passare nonostante i trattamenti topici (freddo e pomate).

La lesione specifica viene provocata da un urto che abbia provocato una forza tangenziale che separa la cute ed il sottocute con il grasso sottocutaneo dalla fascia muscolare sottostante. Questa separazione tangenziale di tessuti determina la formazione di uno spazio virtuale che può essere invaso e “rigonfiato” da sangue fuoriuscito dai vasi. Nelle ore o giorni seguenti al trauma questo spazio può essere ingrandito e riempito anche da siero, grasso colliquato per necrosi e coaguli di sangue. Ad insospettire i pazienti è sia il dolore che il gonfiore persistente dell’anca o del ginocchio.

Una lesione simile, perlomeno nel meccanismo patogenetico di “scollamento” del sottocute dalla fascia, è stata descritta anche come esito di una liposuzione addominale.

La lesione di Morell Lavallee si trova citata anche come effusione di Morel Lavalle o Sieroma o anche pseudolipoma o pseudocisti. A volte può essere confusa con un ematoma in fase di riassorbimento e pertanto indicata come ematoma cronicizzato.

Le lesioni tipo Morell Lavalle non sono rare nei traumi di cospicua intensità di regioni corporee soprastanti prominenze ossee. Viene citata come rara ma questo potrebbe essere dovuto al fatto che rimane spesso misconosciuta o definita in altro modo.

Gomito contuso con Morel Lavalée – Image by baedaya from Pixabay

Una lesione simile si riscontra in interventi ortopedici di anca e ginocchio dove l’evento che rende possibile lo sviluppo della pseudocavità di Lavalle è provocato dalla incisione chirurgica e dallo scollamento tra i tessuti.

Patogenesi della Morel Lavallée

Tipicamente prodotta da quando un trauma provoca uno scivolamento reciproco tra cute, sottocute e grasso sottocutaneo e la fascia muscolare sottostante. Il trauma iniziale provoca una separazione tra la fascia ed i tessuti soprastanti determinando la formazione di uno spazio virtuale che verrà riempito da liquido sieroematico o francamente ematico. Questa raccolta potrà andare incontro alla guarigione spontanea o progredire verso una raccolta saccata persistente

Clinica

La Morel-Lavallee viene in genere identificata a poche ore dal trauma anche se in alcune occasioni può essere scoperta anche diversi anni dopo (determinando difficoltà di interpretazione e la necessità di una diagnostica differenziale). Generalmente la lesione di Morel-Lavallee si associa ad una frattura ossea sottostante ma può anche essere presente in assenza di frattura. Raramente è bilaterale. I pazienti lamenteranno dolore, rigidità e gonfiore. Il dolore a volte potrà essere assente per il danno dei nervi sottocutanei.

L’esame clinico potrà essere dirimente. La diagnostica è quella di base per un trauma con la radiografia che permette di visualizzare la presenza o meno di frattura e l’ecografia che mostri la presenza di un versamento tra fascia e tessuti sovrastanti. Nei casi più complessi o di presentazione tardiva l’esame con RMN.

In radiologia esiste anche una classificazione della Morell Lavalle basata sulla evidenza alle immagini di Risonanza Magnetica (RMN).

La classificazione di Mellado e Bencardino

distingue sei tipi di lesione di Morell Lavallee sulla base della forma del versamento, del segnale specifico, dell’impregnazione con contrasto e della presenza o meno di capsula.

  • Tipo I lesione laminare con versamento ipointenso in T1 ed iperintenso in T2. Potrebbe mostrare una capsula senza enhancement.
  • II lesione ovalare simile ad ematoma sottocutaneo iperintensa in T1 and T2 con capsula sottile e enhancement variabile.
  • III forma ovalare con T1 intermedio e T2 eterogeneo come nei casi di ematoma cronico organizzato. Capsula sottile ed enhancement periferico.
  • IV lesione lineare ipointensa in T1 iperintensa in T2l. assenza di capsula. 
  • V pseudonodulare con forma rotondeggiante, con T1 e T2 variabile e capsula più o meno spessa con enhancement periferico. 
  • Tipo VI si riferisce a lesioni infette, presenta T1 e T2 variabile ed evidenza di tragitto fistolososo, capsula ben evidente e enhancement positivo sia all’interno che perifericamente.

Prognosi e trattamento

Nei casi non recenti, andati incontro a cronicizzazione un trattamento conservativo ha scarse probabilità di successo. In genere nei casi cronici sarà necessario un drenaggio chirurgico.

In ambito ortopedico la lesione dovrà essere riconosciuta in quanto la sua presenza potrebbe rappresentare un rischio aumentato di manifestazione infettiva con le possibili conseguenze negative in caso di trattamento chirurgico della lesione ossea sottostante.

Questo articolo non deve essere interpretato come consulenza medica o parere medico relativamente a fatti o circostanze specifiche. Per quanto riguarda la vostra personale situazione e risposta a domande specifiche siete invitati a consultare un professionista Medico. L’uso delle informazioni reperite su questo sito deve rispettare i termini e le condizioni d’uso. Dott. Giuseppe Fanzone

Pubblicato il 18 gennaio 2020
Ultimo aggiornamento:  18 gennaio 2020
Dr. Giuseppe Fanzone

Dr. Giuseppe Fanzone

Mi chiamo Giuseppe Fanzone. Nato a Mazzarino nel 1967, al termine di una carriera scolastica irreprensibile, mi sono laureato in Medicina e Chirurgia, magna cum laude, nel luglio del 1991, all’Università di Catania. Iniziata prestissimo l’attività lavorativa, sono riuscito comunque a conciliarla con la vita familiare arricchita dalla nascita di tre splendidi figli. Ho ottenuto il titolo di specialista in Ortopedia e Traumatologia presso l’Università Campus Biomedico di Roma. Sono iscritto all’Ordine dei Medici della provincia di Caltanissetta. Sono diventato un Ortopedico “On Line” quasi per caso ma, questa condizione, ha finito per piacermi! Attualmente lavoro come Medico Ortopedico nella UOC di Ortopedia e Traumatologia dell’ Ospedale Umberto I di Enna dopo avere lavorato nell'altro ospedale della ASP di Enna Il Michele Chiello di Piazza Armerina.
cannabi, galenica, preparati a base di cannabis

Preparazioni galeniche a base di cannabis

Anca a scatto

2 Comments

  1. Salve credo che mio figlio L anno scorso dopo una brutta caduta ha avuto su coscia questo ematoma / lesione non so . Trascurato e non capito in chirurgia pediatrica. Successivamente drenato due volte . Ora dopo un anno presenta un gonfiore una massa un piastrone definito in più modi sempre in corrispondenza del precedente trauma questa massa di è firmata piano piano mentre c era il liquido . Come può essere trattata? Grazie per L attenzione

Leave a Response