close
La spalla “snodo” dell’evoluzione

La spalla “snodo” dell’evoluzione

8 Agosto 2013incidenti sportivispalla2884Views5Comments
David

L’importanza della spalla come articolazione

L’essere umano ha goduto di tanti privilegi nella storia dell’evoluzione e nel suo essere corporeo ha insite diverse capacità, tutte sue proprie, che lo hanno reso, di fatto, l’animale superiore che è.

L’articolazione della spalla umana è unica nel suo genere. Consente movimenti tali da renderla essenziale e competitiva.

La capacità che la spalla possiede di lanciare gli oggetti con forza e precisione è stata fondamentale nel rendere l’uomo un perfetto animale da caccia e pertanto la spalla ha rappresentato un punto fondamentale nella evoluzione della specie umana. A sostegno di questa tesi importanti articoli scientifici, dimostrano come l’articolazione scapolo omerale consenta di portare il braccio molto all’indietro, accumulando energia sotto forma di tensione nei muscoli e nei legamenti; allorché questa energia viene rilasciata il braccio è proiettato in avanti, con la possibilità di scagliare in avanti un oggetto, con molta più forza e precisione e sicuramente in modo più efficace rispetto ad uno scimpanzé.

Spalla

Tra i nostri antenati questo ha consentito di lanciare oggetti da utilizzare nella caccia. Mangiare bene porta anche ad avere un cervello più efficiente.
Quasi sempre!!!

Approfondimenti:

http://cashp.gwu.edu/ntroach/the-evolution-of-throwing/

Questo articolo non deve essere interpretato come consulenza medica o parere medico relativamente a fatti o circostanze specifiche. Per quanto riguarda la vostra personale situazione e risposta a domande specifiche siete invitati a consultare un professionista Medico. L’uso delle informazioni reperite su questo sito deve rispettare i termini e le condizioni d’uso.


Dott. Giuseppe Fanzone

Pubblicato il 08 agosto 2013
Ultimo aggiornamento:  04 aprile 2017
Dr. Giuseppe Fanzone

Dr. Giuseppe Fanzone

Mi chiamo Giuseppe Fanzone. Nato a Mazzarino nel 1967, al termine di una carriera scolastica irreprensibile, mi sono laureato in Medicina e Chirurgia, magna cum laude, nel luglio del 1991, all’Università di Catania. Iniziata prestissimo l’attività lavorativa, sono riuscito comunque a conciliarla con la vita familiare arricchita dalla nascita di tre splendidi figli. Ho ottenuto il titolo di specialista in Ortopedia e Traumatologia presso l’Università Campus Biomedico di Roma. Sono iscritto all’Ordine dei Medici della provincia di Caltanissetta. Sono diventato un Ortopedico “On Line” quasi per caso ma, questa condizione, ha finito per piacermi! Attualmente lavoro come Medico Ortopedico nella UOC di Ortopedia e Traumatologia dell’ Ospedale Umberto I di Enna dopo avere lavorato nell'altro ospedale della ASP di Enna Il Michele Chiello di Piazza Armerina.
spalla, tumefazione, dolore

Segno clinico della spalla dolorosa cronica

In equilibrio su di una trave

Postura e salute fisica del corpo

6 Comments

  1. Egregio Dott, il sottoscrito in data dicembre 2013 ha fatto una eco muscolotendinea e osteoarticolare in quanto non riuscivo ad alzare la spalla e portare pesi,da notare che sono allenatore di basket da 30 anni e movimenti ne ho fatti le scrivo l’esito sperando che Lei sempre gentile mi dica cosa fare:
    I tendini della cuffia dei rotatori sono nei limiti per morfologia e profili,non presentano aree lacunari.
    A livello inserzionale il tendine del sottospinoso presenta strie iperecogene con componente calcifica in un quadro di tendinosi calcifica,non vi sono significative tracce di versamentonella borsa sottoacromion-deltoidea,tendine del capoluogo del bicipide in sede,di spessore regolare.
    Attendo una sua gentile risposta.
    Grazie

    1. Certamente, rispondo ma a quale domanda? La presenza di dolore ad una spalla non è sempre legato ad una lesione della “cuffia”, Bisogna valutare la sede di dolore e le sue caratteristiche. Sul serio non è possibile dare indicazioni via internet.

Leave a Response