close
Classificazione di Kellgren Lawrence

Classificazione di Kellgren Lawrence

27 Maggio 2013scala di kellgren Lawrence14581Views
scala di valutazione artrosi, artrosi, kelgreen, lawrence

Scala di valutazione della artrosi di ginocchio

La classificazione di Kellgren Lawrence è un sistema di valutazione e quantificazione della gravità della artrosi di ginocchio. La classificazione della artrosi è basata sulla valutazione delle radiografie standard in anteroposteriore e sotto carico, in appoggio bipodalico.

La scala di Kellgren Lawrence classifica l’artrosi di ginocchio in 5 gradi di successiva maggiore gravità, i parametri utilizzati sono la riduzione dello spazio articolare e la presenza di osteofiti.

  • Grado 0: non visibile modificazioni artrosiche;
  • Grado 1: dubbio restringimento dello spazio articolare e minuta formazione di osteofiti;
  • Grado 2: minime alterazioni del profilo marginale, formazione limitata di osteofiti e possibile restringimento dello spazio articolare;
  • Grado 3: moderate multiple formazioni osteofitosiche, restringimento visibile e limitato dello spazio articolare e sclerosi ossea iniziale non marcata;
  • Grado 4: severo restringimento dello spazio articolare con marcata sclerosi ossea, deformazione ossea visibile e non discutibile, ampia formazione di osteofiti .
radiografia artrosi ginocchio diversa gravità
La classificazione dei gradi di artrosi del ginocchio sulla radiografia secondo Kellgren Lawrence

Nella classificazione di Kellgren Lawrence viene data importanza ad alcuni dei segni radiografici di osteoartrosi di ginocchio determinati dalla progressiva scomparsa della cartilagine articolare e dai tentativi naturali di sopperire alla instabilità legamentosa ed ai movimenti incongrui relativi.

Razionale della classificazione:

Lo spazio articolare del ginocchio visibile ai raggi X è determinato dal fatto che la cartilagine è invisibile ai raggi X pertanto in una radiografia standard lo spazio tra le ossa (visibili) sembra vuoto (cartilagine invisibile) pertanto ogni riduzione dello spazio articolare del ginocchio visualizzabile ai raggi X corrisponde ad una riduzione in spessore della cartilagine. Stesso significato rilevatore di artrosi del ginocchio assume anche la formazione di osteofiti che sono la rappresentazione del tentativo dell’organismo di sopperire alla lassità e presenza di movimenti incongrui articolari.

La classificazione di Kellgren Lawrence della artrosi di ginocchio è sicuramente la più spesso utilizzata negli studi clinici ed assume anche valore medico legale essendo accettata in Italia dalla INAIL nelle valutazioni medico legali delle invalidità lavorative e nella determinazione delle limitazioni ed incapacità lavorative da lavori usuranti.

La classificazione di Kellgren Lawrence per la patologia artrosica è stata introdotta dai due autori nel 1957, ha subito delle modifiche ed è stata accettata nel 1961 dalla OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità – WHO World Health Organization) . Nonostante sia la più ampiamente utilizzata presenta però delle limitazioni relative soprattutto alla definizione della presenza di osteofiti che risulta essere troppo vaga ed esaminatore correlata. Per questa ragione sono state proposte classificazioni alternative della artrosi di ginocchio che però non hanno ancora ricevuto una accettazione universale.

Approfondimenti ed altre classificazioni proposte per la valutazione della artrosi di ginocchio:

New View on the Initial Development Site and Radiographic Classification System of Osteoarthritis of the Knee Based on Radiographic Analysis” Ki-Ho Moon, Department of Orthopedic Surgery, Interfaith Medical Center, 1545 Atlantic Ave, Brooklyn, NY, USA

Development of criteria for the classification and reporting of osteoarthritis”, R. Haltman – Article first published online: 29 NOV 2005

“Radiographic osteoarthritis of the knee classified by the Ahlbäck and Kellgren & Lawrence systems for the tibiofemoral joint in people aged 35-54 years with chronic knee pain.” Petersson IF, Boegård T, Saxne T, Silman AJ, Svensson B.Spenshult’s Hospital for Rheumatic Diseases, Halmstad, Sweden. Ann Rheum Dis. 1997 Aug;56(8):493-6.

Attività fisiche lavorative e rischio di osteoartrosi agli arti inferiori” S. Nicolini – Sede INAIL Ancona – reperibile on line

Questo articolo non deve essere interpretato come consulenza medica o parere medico relativamente a fatti o circostanze specifiche. Per quanto riguarda la vostra personale situazione e risposta a domande specifiche siete invitati a consultare un professionista Medico. L’uso delle informazioni reperite su questo sito deve rispettare i termini e le condizioni d’uso.


Dott. Giuseppe Fanzone

Pubblicato il 27 maggio 2013
Ultimo aggiornamento:  04 aprile 2017
Dr. Giuseppe Fanzone

Dr. Giuseppe Fanzone

Mi chiamo Giuseppe Fanzone. Nato a Mazzarino nel 1967, al termine di una carriera scolastica irreprensibile, mi sono laureato in Medicina e Chirurgia, magna cum laude, nel luglio del 1991, all’Università di Catania. Iniziata prestissimo l’attività lavorativa, sono riuscito comunque a conciliarla con la vita familiare arricchita dalla nascita di tre splendidi figli. Ho ottenuto il titolo di specialista in Ortopedia e Traumatologia presso l’Università Campus Biomedico di Roma. Sono iscritto all’Ordine dei Medici della provincia di Caltanissetta. Sono diventato un Ortopedico “On Line” quasi per caso ma, questa condizione, ha finito per piacermi! Attualmente lavoro come Medico Ortopedico nella UOC di Ortopedia e Traumatologia dell’ Ospedale Umberto I di Enna dopo avere lavorato nell'altro ospedale della ASP di Enna Il Michele Chiello di Piazza Armerina.

Una proposta di cura per l’osteoporosi

astenia, sindrome da stanchezza cronica, stanchezza, fatica

Astenia

Leave a Response