close
Cervicalgia: dolore e rigidità cervicale

Cervicalgia: dolore e rigidità cervicale

cervicalgia

La cervicale o mal di collo

Moltissime persone soffrono della cosidetta “cervicale”. La presenza di dolore al collo e soffrirne spesso è una patologia piuttosto comune negli adulti. La causa più comune di dolore al collo è data dalla contrattura dei muscoli costretti a mantenere per ore posizioni e posture fisse – come dopo ore davanti al computer o alla scrivania di lavoro. Altre volte il dolore cervicale è la conseguenza della presenza di una malattia degenerativa dei dischi inter vertebrali e dell’artrosi cervicale (che colpisce le articolazioni tra le vertebre cervicali). Raramente la cervicalgia è dovuta a malattie più serie o pericolose. Qualora la cervicale dolente fosse presente in un bambino diviene opportuno approfondire la diagnosi essendo il dolore al collo nel bambino segno e sintomo di patologie infettive, infiammatorie e purtroppo anche neoplastiche.

Perché il collo scricchiola e fa rumore quando gira

Sembrano esserci tre motivi principali per il rumore al collo quando gira

  • Bolle di gas: all’interno delle articolazioni è presente del liquido (sinovia) che naturalmente contiene disciolte alcune quantità di gas. A livello del collo, le faccette articolari tra le vertebre, possono essere forzate ad allargarsi. Questo movimento creerebbe una depressione con liberazione rapida di bolle di gas che creano un suono definito. In altri contesti questo fenomeno viene chiamato cavitazione.
  • Movimenti tendinei: durante il movimento articolare i tendini ed i legamenti vengono messi in tensione. Il loro scorrere o passare su di una sporgenza ossea possono determinare una sensazione con rumore di schiocco. Questo tipo di rumore si sente più spesso nel ginocchio o nell’anca.
  • Artrosi: i fenomeni di artrosi ed artrite determinano una sofferenza della cartilagine articolare ed una deformazione delle superfici articolari. Le superfici articolari divengono ruvide e questo può determinare scrosci e rumore durante il movimento.

Cause di dolore al collo

Esistono svariate motivi per cui si possa soffrire di cervicale, le cause di dolore al collo possono essere scolasticamente distinte in cervicalgia traumatica ed cervicalgie a-traumatiche o spontanee

Dolore cervicale traumatico

  • Distorsioni (colpo di frusta)
  • Fratture
  • Sublussazioni e lussazioni
  • Ernia del disco

Dolore cervicale senza trauma

  • Artrosi
  • Malattia del disco vertebrale e ernia cervicale
  • Neoplasie
  • Infezioni

Fattori di rischio per cervicalgia

Sindrome di Klippel – Feil (fusione congenita vertebrale)

Condizioni associate a dolore al collo

  • Artrite reumatoide
  • Spondilite anchilosante

Segni e sintomi della cervicale

  • Dolore ben localizzato al collo
  • Rigidità dolorosa dei movimenti
  • Dolore che si porta fino al braccio
  • Emicrania muscolo tensiva
  • Difficoltà a muovere la testa

Diagnosi della cervicalgia

Nella maggior parte dei casi la diagnosi è subito evidente all’esame clinico. In alcuni casi di dolore persistente, difficilmente trattabile e tendente a ripresentarsi con elevata frequenza sarà opportuno eseguire le radiografie standard della colonna vertebrale cervicale.

Risonanza magnetica nucleare e TAC del collo devono essere prescritte dallo specialista essendo sia molto costose che necessarie solo in caso di dubbio diagnostico o per programmare un eventuale trattamento chirurgico della causa del dolore cervicale della cervicalgia.

Trattamento e gestione degli episodi di cervicalgia

La maggior parte dei pazienti affetti da cervicalgia o dolore cervicale sarà curabile con provvedimenti atti a ridurre l’infiammazione articolare e la contrattura muscolare.

La necessità di ricorrere alle cure di un medico in caso di dolore al collo è tanto più evidente se:

  • Il dolore cervicale si presenta di grado severo
  • Il dolore è persistente per diversi giorni
  • Si diffonde dolorosamente dalla cervicale fin giù lungo le braccia ed alle mani
  • Se il dolore al collo è associato ad intorpidimento, debolezza, formicolio.

Trattamento del dolore al collo

  • Riposo funzionale: fondamentale sarà il riposo funzionale, l’uso di antinfiammatori antidolorifici ed anche di farmaci miorilassanti (anche se non condivisi da tutti).
  • Collare cervicale: sicuramente utile l’uso di collari cervicali morbidi o semirigidi può essere di grande beneficio consentendo il relax dei muscoli del collo
  • Trattamento chirurgico: Il trattamento chirurgico della cervicalgia è limitato ai casi più gravi con interessamento delle strutture nervose (radici nervose e midollo spinale), al trattamento dei traumi con frattura  o alle neoplasie cervicali.
  • Fisioterapia: nella gran parte dei casi è inutile nel trattamento degli stati dolorosi acuti dove il movimento risulta grandemente limitato ed in cui più efficaci si mostrano il riposo ed i farmaci. Viceversa è utilissima nel ridurre le recidive e l’insorgenza di nuovi episodi dolorosi. Deve essere praticata solo dopo valutazione medica da parte dell’Ortopedico o del Fisiatra

Monitoraggio degli episodi di cervicalgia

Un paziente con un attacco acuto di cervicalgia necessita di trattamento e terapie per un periodo di circa 4 settimane e deve essere periodicamente rivalutato fino a scomparsa dei disturbi.

ICD-9-CM : 723.1 cervicalgia

Questo articolo non deve essere interpretato come consulenza medica o parere medico relativamente a fatti o circostanze specifiche. Per quanto riguarda la vostra personale situazione e risposta a domande specifiche siete invitati a consultare un professionista Medico. L’uso delle informazioni reperite su questo sito deve rispettare i termini e le condizioni d’uso.


Dott. Giuseppe Fanzone

Pubblicato il 14 aprile 2013
Ultimo aggiornamento: 10 dicembre 2017
Dr. Giuseppe Fanzone

Dr. Giuseppe Fanzone

Mi chiamo Giuseppe Fanzone. Nato a Mazzarino nel 1967, al termine di una carriera scolastica irreprensibile, mi sono laureato in Medicina e Chirurgia, magna cum laude, nel luglio del 1991, all’Università di Catania. Iniziata prestissimo l’attività lavorativa, sono riuscito comunque a conciliarla con la vita familiare arricchita dalla nascita di tre splendidi figli. Ho ottenuto il titolo di specialista in Ortopedia e Traumatologia presso l’Università Campus Biomedico di Roma. Sono iscritto all’Ordine dei Medici della provincia di Caltanissetta. Sono diventato un Ortopedico “On Line” quasi per caso ma, questa condizione, ha finito per piacermi! Attualmente lavoro come Medico Ortopedico nella UOC di Ortopedia e Traumatologia dell’ Ospedale Umberto I di Enna dopo avere lavorato nell'altro ospedale della ASP di Enna Il Michele Chiello di Piazza Armerina.
mano-artrrite-arte-michelangelo

Artrite sieronegativa da psoriasi segni clinici

achille

Un caso di lesione del tendine di Achille

Leave a Response